São Paulo,  
Busca:   

 

 

Textos dos Internautas

 

Direito Premial: assassino de Falcone recebe benefício por delações

Por La Repubblica-http://www.repubblica.it

Gentile ibgf,

paolo ha pensato di inviarti un articolo di "Repubblica.it". Insieme alla pagina, paolo ti invia questo messaggio:

Prezados Amigos, envio a materia para documentaçao. Até a proxima.

Paolo Tita

Per visualizzare l'articolo, il link seguente:

Grazie per aver usufruito del nostro servizio

GIORNALE LA REPUBBLICA

ROMA - I "permessi premio" concessi dai giudici al boss pentito Giovanni Brusca suscitano "sdegno", "amarezza" e "incredulità " tra le forze politiche. Il ministro della Giustizia Roberto Castelli annuncia l'avvio di un'ispezione ministeriale al tribunale di sorveglianza di Roma, che ha firmato il provvedimento, mentre il presidente della Commissione antimafia Roberto Centaro chiede di acquisire gli atti che riguardano la decisione. Ma c'è anche chi ricorda che i magistrati "hanno applicato solo le norme" votate da tutto il Parlamento e che sono servite a scardinare dall'interno l'organizzazione mafiosa.

L'ex capomafia di San Giuseppe Jato ha gia trascorso alcuni giorni in una località segreta, insieme alla sua famiglia, grazie ai benefici carcerari. Nelle prossime settimane i giudici del Tribunale di sorveglianza di Roma dovranno esprimersi anche sull'istanza di scarcerazione del collaboratore, cui dovrebbero seguire gli arresti domiciliari. Per la decisione si terrà conto dei pareri delle procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze e della Direzione nazionale antimafia.

Per il difensore del pentito, l'avvocato Luigi Li Gotti, "i permessi di cui usufruisce Brusca non sono giornate di divertimenti o di nuotate in piscina. Sono permessi brevi con tante limitazioni, così come prevede il regolamento". Ma questa circostanza, insieme all'ipotesi di una eventuale scarcerazione del boss che azionò il telecomando della strage di Capaci, hanno provocato la reazione indignata di molti politici e di alcuni familiari delle vittime.

L'Osservatore Romano parla di "sconcerto" e ricorda l'attentato del 23 maggio '92 a Capaci e l' assassinio "crudele e raccapricciante del piccolo Giuseppe Di Matteo", di cui Brusca si è autoaccusato. Mentre Giampiero D'Alia, capogruppo Udc in antimafia dice: "Esprimo sconcerto e perplessità per i permessi-premio concessi all'efferato pluriomicida Giovanni Brusca. E' chiaro che la normativa sui pentiti va rivista". "Va bene - aggiunge il deputato centrista - che chi decide di collaborare con la giustizia abbia una riduzione della pena ma almeno che la sconti in carcere".

Chi difende invece il provvedimento dei giudici romani è il capogruppo dei Ds in commissione Giustizia, Guido Calvi, il quale sottolinea che "la legge sui pentiti non si discute". "Le reazioni di taluni politici a seguito della notizia dei permessi concessi a Brusca - afferma Calvi - benefici che certamente hanno provocato sconcerto, destano notevoli perplessità ". Il parlamentare diessino ricorda che la norma è uno strumento fondamentale nell'azione di contrasto alla criminalità organizzata e del terrorismo.

Dalla maggioranza l'unica voce che concorda con questa tesi è quella del senatore Carlo Vizzini (Forza Italia), componente della Commissione antimafia. "Ferisce anche il mio cuore - spiega - il dolore dei familiari delle vittime, ma sarebbe un errore più grave animare uno scontro fra politici e giudici. L'unica cosa seria è quella di lavorare insieme per migliorare la legge, evitando di riaprire ferite dolorose in chi ha già molto sofferto, ma sconfiggendo anche, se mai vi fossero, coloro che pensano che disincentivare le collaborazioni possa servire a lasciare un po' più tranquilla Cosa nostra".

Per il procuratore nazionale antimafia, Pier Luigi Vigna, "è comprensibile il senso di disagio nei confronti delle vittime o dei parenti delle vittime dei reati, ma le leggi non riguardano sempre aspetti morali, riguardano fini di utilità di politica criminale".

(13 ottobre 2004)

Brusca, permessi premio

L'ex boss esce dal carcere

Permesso premio a Brusca

Castelli invia gli ispettori


Assuntos Relacionados
© 2004 IBGF - Todos os direitos reservados - Produzido por Ghost Planet